1.ma Divisione di Fanteria volontaria rumena Tudor Vladimirescu

Luca D’Agostini Madre Russia 20 luglio 2018

La 1.ma Divisione di Fanteria volontaria rumena Tudor Vladimirescu, (anche conosciuta semplicemente come “Divisione Tudor Vladimirescu”, in onore dell’eroe nazionale rumeno che guidò diverse rivolte anti-turche combattendo i turchi al fianco della Russia) era una divisione dell’Armata Rossa ed in seguito delle Forze Armate della Romania, costituita con prigionieri di guerra rumeni. Il 2 febbraio 1943, un gruppo di soldati rumeni catturati fece appello al governo sovietico per dargli l’opportunità di combattere come volontari al fianco dell’Armata Rossa. Nell’agosto 1943, la conferenza dei prigionieri rumeni autorizzò molti di loro a rivolgersi alle autorità sovietiche per ottenere il permesso di formare una legione volontaria. I prigionieri di guerra furono sostenuti dai comunisti rumeni emigrati nell’Unione Sovietica.
Il 4 ottobre 1943, il Comitato di Difesa adottò un decreto sulla formazione della 1.ma Divisione di Fanteria volontaria rumena. Più tardi, le fu dato il nome dell’eroe nazionale rumeno Tudor Vladimirescu. La divisione fu reclutata da volontari rumeni prigionieri di guerra, catturati nei combattimenti nei settori meridionali del fronte sovietico-tedesco. Il comandante della divisione era il Colonnello Nicolae Cambrea, il quale prima di cadere in prigionia nel 1942, comandava la 5.ta Divisione di fanteria. Cambrea rimase comandante della 1.ma Divisione di Fanteria volontaria rumena Tudor Vladimirescu fino all’ottobre del 1944. (1) Il commissario della divisione era Ana Pauker, del Comitato Centrale del Partito Comunista della Romania, col grado di colonnello. Pauker era di religione ebraica e lavorava come insegnante in una scuola elementare di Bucarest. Nell’ottobre 1922, lei e suo marito, il rivoluzionario rumeno Marcel Pauker, divennero esponenti di spicco del Partito Comunista di Romania. Nel 1923 e nel 1924 furono arrestati in Romania per le attività politiche. Nel 1927 emigrarono prima a Berlino, poi a Parigi e poi Vienna. Al suo ritorno in Romania, nel 1935, fu arrestata e condannata a 10 anni di prigione. Il marito fu arrestato dalle autorità sovietiche il 21 marzo del 1937 e fu giustiziato a Mosca il 16 agosto 1938. Nel 1941, Ana Pauker fu mandata in esilio nell’Unione Sovietica dove divenne la leader dei comunisti rumeni. Ritornò in Romania nel 1944. Dal 1947 al 1952 ricoprì la carica di Ministro degli Esteri della Romania.
La 1° Divisione di fanteria volontaria rumena Tudor Vladimirescu era composta da circa 9000 effettivi e tra gli ufficiali in comando c’erano 159 ufficiali dell’Armata Rossa. La divisione non fu immediatamente trasferita al fronte, dato che era necessario formare i soldati e prepararli politicamente alla battaglia, spiegando per quale Romania si accingevano a combattere. Il 31 marzo 1944 la divisione fu inviata per ferrovia al comando del 2.ndo Fronte ucraino. A partire dal 1° aprile 1944, la divisione era dotata di 20 obici, 12 cannoni, 48 pezzi di artiglieria anticarro, 160 mortai, 111 mitragliatrici pesanti, 98 camion, 6 auto, 44 trattori, 4 motocicli e 59 stazioni radio. Nell’agosto 1944, la divisione partì per la Romania. Il 29 agosto, ebbe la prima battaglia nell’ambito del 2.ndo Fronte ucraino a sud della città rumena di Vaslui. Durante i combattimenti contro i soldati tedeschi, decine di rumeni furono uccisi, feriti e dispersi. Il 31 agosto 1944, le truppe dell’Armata Rossa e le truppe rumene entrarono trionfanti a Bucarest. Quando si muovevano per le strade della città, la gente correva felice verso di loro donando fiori. Dopo la liberazione della Romania fu annunciato che tutti i soldati rumeni che smettevano di combattere nella Wehrmacht e passavano dalla parte dell’esercito della Romania, sarebbero stati amnistiati. Successivamente la divisione partecipò alle battaglie contro i tedeschi e gli ungheresi in Transilvania, Ungheria e Slovacchia. Nelle battaglie per la liberazione della città ungherese di Debrecen, la divisione rumena perse circa la metà dei propri soldati, dopo di che fu trasferita nelle retrovie.
Per il coraggio mostrato dai suoi soldati nella liberazione dell’Europa orientale, la 1.ma Divisione di Fanteria volontaria rumena Tudor Vladimirescu fu insignita dell’Ordine della Bandiera Rossa. Tra i soldati di questa divisione ricordiamo Artjom Markovich Lazarev, il quale dopo la guerra ricoprì la carica di Ministro della Pubblica Istruzione della Repubblica Socialista Sovietica Moldava, Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista della Moldavia e Ministro della Cultura della Repubblica Socialista Sovietica Moldava.

Fonti
1) Nicolae Cambrea 

Annunci

Una risposta a "1.ma Divisione di Fanteria volontaria rumena Tudor Vladimirescu"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: