6 nuove armi rivelate da Putin

Armi formidabili e all’avanguardia, ma dal costo accessibile
Russia FeedLa maggior parte del discorso sullo Stato della nazione del Presidente Putin, il 1° marzo 2018, era di gran lunga dedicato alle questioni economiche. Tuttavia, inevitabilmente, la parte del discorso sui nuovi sistemi d’arma attirava l’attenzione.1 – ICBM pesante Sarmat
Questo è il più noto dei nuovi sistemi d’arma strategici nucleari che il Presidente Putin ha indicato nel discorso sullo Stato della nazione. In effetti ne avevamo discusso in precedenza. Ecco cosa ha detto il Presidente Putin al riguardo, “Il Sarmat sostituirà il sistema Voevoda realizzato nell’URSS. Il suo immenso potere era universalmente riconosciuto. I nostri colleghi stranieri gli hanno persino dato un nome abbastanza minaccioso. Detto questo, le capacità del missile Sarmat sono di molto maggiori. Con un peso superiore alle 200 tonnellate, ha una breve fase di spinta che lo rende più difficile intercettare dai sistemi di difesa missilistica. La portata del nuovo missile pesante, numero e potenza delle testate da combattimento sono maggiori di quelli del Voevoda. Il Sarmat sarà equipaggiato con una vasta gamma di potenti testate nucleari, anche ipersoniche, il mezzo più moderno per eludere la difesa missilistica. L’elevato grado di protezione dei sistemi lanciamissili e la notevole potenza offerta dal sistema ne renderanno possibile l’utilizzo in qualsiasi condizione… La gittata del Voevoda è di 11000 km mentre il Sarmat non ha praticamente limiti. Come mostrano i video, può attaccare bersagli anche attraverso polo Nord e polo Sud. Il Sarmat è un missile formidabile e, per le sue caratteristiche, non è disturbato nemmeno dai più avanzati sistemi di difesa missilistica”. La gittata del Sarmat fu precedentemente divulgata in 17000 km. Putin dice che pesa 200 tonnellate, all’incirca come il predecessore Voevoda, il doppio di quanto riportato in precedenza. Un aspetto del Sarmat su cui Putin non si è soffermato è che potrebbe aver rianimato un concetto sovietico degli anni ’60 noto negli Stati Uniti come “FOBS” (“Sistema di bombardamento orbitale frazionale”). L’idea alla base del FOBS era un ICBM che piazzava le testate nucleari in un’orbita terrestre bassa da dove, dopo aver orbitato per un breve periodo, sganciarle sugli obiettivi a terra. Tale sistema non avrebbe limiti di gittata, mentre il volo orbitale delle testate non rivelerebbe la posizione del bersaglio. Permetterebbe una rotta verso il Nord America dal Polo Sud, colpendo obiettivi da sud, direzione opposta a quella in cui i sistemi di allarme precoce degli Stati Uniti sono orientati. Il riferimento di Putin al Sarmat che “praticamente non ha alcuna limitazione di gittata” e che può “attaccare bersagli attraverso i poli nord e sud” suggerisce fortemente l’uso del sistema FOBS. Se è così, c’è una seria ironia in questo. Il Trattato sullo Spazio del 1967 avrebbe dovuto vietare l’installazione di armi nucleari nell’orbita terrestre. Comunque il governo degli Stati Uniti, presumibilmente perché al tempo aveva un suo programma FOBS, decise che non violava il Trattato sullo Spazio perché tale testata non era tecnicamente orbitale perché non compiva un’orbita completa della Terra. Si supponeva che il FOBS fosse bandito dal Trattato SALT II concordato dal Presidente degli Stati Uniti Carter e dal Presidente sovietico Brezhnev nel 1979. Tuttavia il Trattato SALT II non fu mai ratificato dal Senato degli Stati Uniti e non entrò mai in vigore. Gli Stati Uniti quindi ebbero per due volte l’opportunità di vietare la FOBS, nel 1967 e nel 1979, e ci rinunciarono sempre. Il risultato è che con l’avvento del Sarmat ora è molto probabile che disponga di tale sistema dispiegato contro gli USA, cosa che avrebbero evitato se fossero stati meno intransigenti perseguendo i programmi degli armamenti. Inutile dire che una testata nucleare sganciata sugli Stati Uniti dallo spazio e proveniente da qualsiasi direzione è effettivamente impermeabile all’intercettazione da parte di qualsiasi sistema di difesa missilistica che gli Stati Uniti hanno o progettano.I due successivi sistemi di cui il Presidente Putin ha parlato sembrano utilizzare tecnologie condivise dai reattori nucleari. Sono un missile da crociera a propulsione nucleare e un drone sottomarino a propulsione nucleare.

2 – Missile da crociera a propulsione nucleare
Ecco cosa ha detto il presidente Putin su questo sistema, “Le armi avanzate della Russia si basano sui risultati unici e all’avanguardia dei nostri scienziati, progettisti e ingegneri. Una di queste è una piccola unità ad energia nucleare per impieghi pesanti che può essere installata in un missile come il nostro ultimo missile aerolanciato Kh-101 o lo statunitense Tomahawk, un tipo simile ma con una gittata decine di volte maggiore, in pratica una gittata illimitata. È un missile stealth che a bassa quota vola trasportando una testata nucleare, con una gittata quasi illimitata, una rotta imprevedibile e la capacità di aggirare le aree d’intercettazione. È invincibile contro tutti i sistemi di difesa antimissile e antiaerei esistenti e prossimi. Lo ripeterò diverse volte oggi. Alla fine del 2017, la Russia lanciò con successo l’ultimo missile a propulsione nucleare nel poligono centrale. Durante il volo, il motore a propulsione nucleare raggiunse la capacità progettuale fornendo la necessaria propulsione. Ora che il lancio missilistico e le prove a terra hanno avuto successo, possiamo iniziare a sviluppare un tipo di arma completamente nuovo, un sistema d’arma strategico nucleare con un missile a propulsione nucleare… Potete vedere come il missile aggiri gli intercettori. Poiché la portata è illimitata, il missile può manovrare per tutto il tempo necessario”. L’importante passo avanti è la miniaturizzazione di un reattore nucleare in modo che possa essere installato su un missile da crociera dalle dimensioni del Tomahawk o dei missili da crociera russi Kh-101. Questa è una svolta rivoluzionaria che, come dice il Presidente Putin, conferisce ai missili da crociera subsonici della Russia una gittata illimitata. Ciò esclude incidentalmente qualsiasi vantaggio che gli Stati Uniti potrebbero ottenere piazzando missili da crociera in Europa, come negli anni ’80. Negli anni ’80, l’URSS non aveva un sistema di contrasto efficace dato che se i missili da crociera degli Stati Uniti basati nell’Europa occidentale potevano raggiungere il territorio dell’URSS occidentale, i missili da crociera terrestri sovietici sul territorio sovietico o nell’Europa orientale non potevano raggiungere gli Stati Uniti. Con l’imminente dispiegamento del missile da crociera nucleare russo dalla gittata illimitata, quindi in grado di raggiungere gli Stati Uniti dal territorio russo, questo vantaggio svanisce. Come afferma Putin, un missile da crociera subsonico a propulsione nucleare è essenzialmente invulnerabile al sistema antimissile balistico che gli Stati Uniti attualmente dispiegano. Tuttavia, sebbene i missili da crociera piccoli e furtivi siano bersagli difficili, non sono immuni all’intercettazione. L’efficacia di questi missili può quindi dipendere dal numero che la Russia può costruire? Se può costruirne un gran numero, allora è possibile che le difese statunitensi possano essere sopraffatte. Tuttavia ciò dipende dal costo del motore nucleare.3 – Drone sottomarino a propulsione nucleare
L’esistenza di questo drone è nota da tempo, dal novembre 2015, quando la sua esistenza (denominato “Status-6“) fu brevemente, e forse intenzionalmente, rivelata dalla televisione russa. Ecco cosa Putin ha detto al riguardo, “Ora sappiamo tutti che la progettazione e lo sviluppo di sistemi d’arma senza pilota è un’altra tendenza comune nel mondo. Per quanto riguarda la Russia, abbiamo sviluppato veicoli sottomarini senza equipaggio che possono muoversi a grandi profondità (direi estreme profondità) in modo intercontinentale, ad una velocità varie volte superiore a quella di sottomarini, siluri all’avanguardia e ogni tipo di nave di superficie, comprese le più veloci. Sono davvero fantastici e sono silenziosi, altamente manovrabili e non hanno quasi vulnerabilità da concedere al nemico. Non c’è semplicemente nulla al mondo in grado di resistergli. I veicoli sottomarini senza equipaggio possono trasportare testate convenzionali o nucleari, che consentono d’impegnare vari bersagli, compresi gruppi di portaerei, fortificazioni costiere ed infrastrutture. Nel dicembre 2017, un’unità nucleare innovativa di questo veicolo subacqueo senza equipaggio completò le prove durate anni. L’unità ad energia nucleare è unica per le dimensioni ridotte e offre un incredibile rapporto peso-potenza. È cento volte più piccola delle unità che spingono i moderni sottomarini, ma è ancora più potente e può passare alla modalità combattimento, ovvero raggiungere la massima potenza, divenendo 200 volte più veloce. Le prove condotte ci hanno permesso di iniziare a sviluppare un nuovo tipo di arma strategica che trasporterà ordigni nucleari in massa”. Lo scopo del drone lanciato contro gli Stati Uniti continentali sembra sia creare uno tsunami alto 500 metri, che oltre a causare massicce perdite umane contaminerebbe anche radioattivamente un’ampia area delle coste degli Stati Uniti. Si presume che nella forma nucleare il drone trasporti una grande testata termonucleare di cobalto da 100 megatoni, il doppio della potenza della cosiddetta “Zar bomba” fatta detonare dall’URSS nel 1961, che sarebbe ampiamente la più potente testata nucleare mai costruita. Ecco come Wikipedia descrive il drone, “Sembra essere un minisottomarino robotizzato a forma di siluro che può navigare a una velocità di 185km/h (100 nodi). Informazioni più recenti suggeriscono una velocità massima di 100 km/h (54 nodi), con un raggio di 10000 km e una quota di profondità massima di 1000 m. Questo drone sottomarino adotta tecnologia stealth per eludere i dispositivi di localizzazione acustica. Le sue dimensioni sembrano essere di 1,6 metri di diametro e 24 metri di lunghezza. La testata mostrata nell’immagine trapelata è un cilindro di 1,5 metri di diametro per 4 metri di lunghezza, per un volume di 7 metri cubi. Confrontandolo coi volumi di altre grandi bombe termonucleari, la Tsar Bomba dell’era sovietica del 1961 misurava otto metri di lunghezza per 2,1 metri di diametro, indicando una potenza di almeno alcune decine di megatoni, generalmente in linea coi primi rapporti”. Come dice giustamente Wikipedia, la natura indiscriminata di questo sistema d’arma con testata nucleare significa che è un’arma di ultima istanza volta ad infliggere il massimo danno al nemico nel caso in cui l’arsenale missilistico terrestre russo venga disabilitato dal primo colpo. Due ulteriori punti possono essere fatti su questo drone. Il primo è che il suo reattore nucleare condivide quasi certamente le tecnologie utilizzate nel motore del missile da crociera a propulsione nucleare suddetto. Il seconda è che le parole del Presidente Putin mostrano che anche questo si presenta con una testata convenzionale, e che in questa versione è destinata ad essere usato come arma antiportaerei.4 – Il missile ipersonico aerolanciato Kinzhal
È noto da tempo che la Russia sviluppa missili ipersonici a lungo raggio e il Presidente Putin ha fornito i dettagli di uno di essi, “I Paesi con un alto potenziale nella ricerca e tecnologia avanzata sono noti per lo sviluppo attivo delle cosiddette armi ipersoniche. La velocità del suono viene solitamente misurata in Mach in onore dello scienziato austriaco Ernst Mach, noto per le ricerche in questo campo. Un Mach è pari a 1062 chilometri all’ora ad un’altitudine di 11 chilometri. La velocità del suono è Mach 1, la velocità tra Mach 1 e Mach 5 è detta supersonica e quella ipersonica è sopra Mach 5. Naturalmente questo tipo di arma offre notevoli vantaggi in un conflitto armato. Gli esperti militari ritengono che sarebbe estremamente potente e che la sua velocità lo rende invulnerabile agli attuali sistemi di difesa antimissile e di difesa aerea, dato che i missili intercettori semplicemente non sono abbastanza veloci. A questo proposito, è comprensibile perché i principali eserciti del mondo cercano di possedere un’arma così ideale. Amici, la Russia ha già un’arma del genere. La fase più importante nello sviluppo di moderni sistemi d’arma fu la creazione di un sistema missilistico aerolanciato ipersonico ad alta precisione; come già sapete di certo, è unico nel suo genere al mondo. I suoi test sono stati completati con successo e, inoltre, il 1° dicembre dello scorso anno, questi sistemi hanno iniziato il servizio di prova nelle basi aeree del Distretto militare meridionale. Le caratteristiche di volo uniche del velivolo ad alta velocità consentono al missile di essere lanciato sul bersaglio in pochi minuti. Il missile vola a una velocità ipersonica, 10 volte più veloce del suono, può anche manovrare in tutte le fasi della rotta, il che gli consente anche di violare le difese antiaeree e antimissile esistenti e, a mio avviso, future, utilizzando testate nucleari e convenzionali con una gittata di oltre 2000 chilometri. Abbiamo chiamato questo sistema Kinzhal (Daga)”. La descrizione del Presidente Putin chiarisce che si tratta di un missile ipersonico (a lungo raggio) aerolanciato dagli aerei-vettori, presumibilmente i bombardieri strategici Tu-160 e Tu-95e il futuro bombardiere stealth PAK-DA della Russia. Il Presidente Putin diceva che lo sviluppo di questo missile è completo e che è già in volo sugli aerei del Distretto militare meridionale, presumibilmente dalla base aerea di Engels nel sud della Russia. Il Presidente Putin indicava una gittata per il Kinzhal, che condividerebbe le tecnologie col nuovo missile antinave ipersonico, in 2000 chilometri, indicando una velocità di Mach 10. Se il Kinzhal entra in servizio come dice il Presidente Putin, e non c’è motivo di non credergli, sarà il primo missile ipersonico strategico ad entrare mai in servizio.5 – Proiettile ipersonico Avangard
Questo è un sistema d’arma ipersonica completamente diverso e molto più avanzato del Kinzhal. Ecco cosa ha detto il Presidente Putin al riguardo, “Una vera rivoluzione tecnologica è lo sviluppo del sistema missilistico strategico con equipaggiamenti da combattimento fondamentalmente nuovi: un’unità ad aliante sempre testata con successo… Sono lieto d’informarvi che gli esperimenti completati con successo durante le esercitazioni ci permettono di confermare che nel prossimo futuro le Forze armate russe, le Forze strategiche missilistiche, riceveranno nuovi sistemi d’arma ipersonici ad alta precisione che possono colpire obiettivi a distanze inter-continentali, potendo variare quota e rotta mentre volano. Questa è una dichiarazione molto significativa perché alcun Paese al mondo ha armi simili nel proprio arsenale… A differenza dei tipi esistenti di equipaggiamento da combattimento, questo sistema è in grado di volare a distanze intercontinentali e velocità supersoniche superiori a Mach 20. Come dissi nel 2004, puntando sull’obiettivo, il velivolo aliante del missile adotta manovre intensive, sia laterali (per diverse migliaia di chilometri) che verticali. Questo è ciò che lo rende assolutamente invulnerabile a qualsiasi sistema di difesa aerea o missilistica. L’uso di nuovi materiali compositi ne ha permesso l’impiego per la crociera planante effettuando il volo teleguidato praticamente nelle condizioni per la formazione del plasma. Vola sul bersaglio come un meteorite, una palla di fuoco. La temperatura sulla superficie raggiunge 1600-2000 gradi Celsius ma il velivolo da crociera viene guidato in modo affidabile. Per ovvi motivi, non possiamo mostrare l’aspetto di questo sistema. È ancora molto importante. Spero che tutti lo capiscano, ma vi assicuro che abbiamo tutto questo e funziona bene. Inoltre, le aziende industriali russe hanno intrapreso lo sviluppo di un altro nuovo tipo di arma strategica. L’abbiamo chiamato Avangard. Sappiamo bene che molti altri Paesi sviluppano armi avanzate dalle nuove proprietà fisiche. Abbiamo tutte le ragioni per credere che anche noi siamo un passo avanti, almeno nelle aree più essenziali”. A differenza del Kinzhal, questo sistema è chiaramente ancora in fase di sviluppo. La descrizione del Presidente Putin chiarisce che a differenza del Kinzhal questo è un proiettile, non un missile, cioè vola sul bersaglio a velocità ipersonica (Mach 20) ma non è propulso da un motore a bordo. Anche se il Presidente Putin non ha rilasciato alcuna immagine, probabilmente somiglia alla figura della didascalia che illustrerebbe il similare sistema cinese. Probabilmente il sistema di lancio dell’Avangard è il nuovo pesante missile balistico intercontinentale Sarmat, con Avangard che potrebbe essere lanciato su orbita bassa terrestre. In altre parole, Avangard sembra essere la testata ipersonica avanzata per il Sarmat, anche se va detto che il Presidente Putin era intenzionalmente vago al riguardo. Il vantaggio di Avangard rispetto al FOBS è che è una testata manovrabile con una gittata più lunga e flessibile. È plausibile che possa essere utilizzato anche come testata convenzionale, ad esempio per attaccare i gruppi di portaerei. Che i russi lavorino su un velivolo aliante ipersonico è noto da tempo, ed è noto che il lavoro su tali sistemi è in corso anche negli Stati Uniti e in Cina. I commenti del Presidente Putin suggeriscono che i russi ritengono che il loro sistema sia ulteriormente avanzato nello sviluppo rispetto ai sistemi paralleli sviluppati da Stati Uniti e Cina.6 – Armi laser
Il Presidente Putin ha parlato di “armi laser” già in servizio nell’esercito russo. Tuttavia riferendosi a queste armi non ha detto quasi nulla, “Abbiamo realizzato progressi significativi nelle armi laser. Non è più solo un concetto o un piano. Non è nemmeno nelle prime fasi di produzione. Dall’anno scorso, le nostre truppe sono dotate di armi laser. Non voglio rivelare altri dettagli. Non è ancora il momento. Ma gli esperti capiranno che con tali armi, la difesa della Russia si è moltiplicata. Chi è interessato all’equipaggiamento militare può suggerire un nome per questa nuova arma, questo sistema all’avanguardia. Naturalmente, perfezioneremo questa tecnologia”. Queste parole non chiariscono se le armi laser siano armi strategiche o tattiche. Né il video di accompagnamento, che mostrava un’arma laser dispiegata da un rimorchio, ne chiarisce lo scopo. Forse è una sorta di sistema antiaereo o antisatellite.La presentazione del Presidente Putin ha provocato un misto di incredulità e ridicolo negli Stati Uniti, affermando che i sistemi d’arma che ha svelato non esistono o che la Russia non può permetterseli, e che la sua presentazione è stata un bluff. Questo nonostante l’avvertimento del Presidente Putin che la sua presentazione non era un bluff, “Ora dobbiamo essere consapevoli della realtà ed essere sicuri che tutto ciò che ho detto non sia un bluff, e non è un bluff, credetemi, fa pensare e scaccia chi vive nel passato e non sa guardare al futuro, facendogli smettere di far dondolare la barca in cui siamo tutti e che si chiama Terra”. In effetti, a parte le armi laser e il missile da crociera a propulsione nucleare, i sistemi d’arma di cui parlava il Presidente Putin nel discorso sullo Stato della nazione furono già discussi nella letteratura aperta. Quindi il fatto che i russi sviluppino un velivolo planante ipersonico, un drone subacqueo a propulsione nucleare, un missile da crociera ipersonico e il nuovo ICBM pesante Sarmat, erano cose già note e discusse. Il Pentagono ha perfino confermato i test russi su alcuni di questi sistemi: ad esempio, il drone sottomarino è stato testato nel 2016 nel Mare Artico. Questi sistemi implicano importanti progressi tecnologici, ma l’area in cui i russi sembrano essere più lontani dall’occidente, e dove la presentazione del Presidente Putin farà preoccupare il Pentagono, è il successo della Russia nella miniaturizzazione dei reattori nucleari fino al punto in cui possono essere usati sui missili da crociera. Rosatom, la gigantesca società di Stato che dirige l’industria nucleare russa, è nota per l’avanguardia nella tecnologia dei reattori nucleari, e i russi hanno una lunga storia nello sviluppo e costruzione di piccoli reattori nucleari, come ad esempio per i satelliti da ricognizione oceanica degli anni ’80 e, a quanto si dice, per il sottomarino Sarov; lo scetticismo sull’affermazione del Presidente Putin di aver sviluppato un reattore nucleare abbastanza piccolo da adattarsi a un missile da crociera è ingiustificato. Un reattore nucleare abbastanza piccolo da stare in un missile da crociera potrebbe in teoria essere usato anche per la propulsione degli aerei, offrendo loro un raggio di azione illimitato. I sovietici infatti sperimentarono un bombardiere a propulsione nucleare (Tu-95LAL) nei primi anni ’60. Tuttavia, le preoccupazioni sull’efficacia della schermatura del reattore per l’equipaggio e l’effetto ambientale di un incidente diede un colpo all’idea degli aerei a propulsione nucleare negli anni ’60, e nonostante gli enormi progressi tecnologici da allora, le stesse preoccupazioni quasi certamente vanificherebbero qualsiasi progetto di aereo con equipaggio a propulsione nucleare oggi.
Sulla convenienza di queste armi, la realtà è che, a parte il velivolo ipersonico Avangard, che ha degli analoghi negli Stati Uniti e in Cina, e in cui la Russia è già nota, alcuno dei sistemi d’arma discussi dal Presidente Putin nel suo discorso sembra particolarmente costoso. Probabilmente il più costoso di essi, ad eccezione dell’Avangard, è il missile balistico intercontinentale Sarmat che utilizza tecnologie con cui i russi hanno grande esperienza. In sintesi, si tratta di vere armi o, nel caso del programma Avangard ancora in via di sviluppo, programmi reali, e non vi è alcun motivo di dubitare che verranno presto schierati dalle Forze Armate russe, proprio come dice il Presidente Putin.Traduzione di Alessandro Lattanzio – AuroraSito

Annunci

Una risposta a "6 nuove armi rivelate da Putin"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: